Sounds-of-Silences2017-2w

Luigi Ceccarelli

ceccarelliLC_Vimeo_logo LC_Youtube_logoLC_Soundcloud_logo LC_Flickr_logoLC_Facebook_logoSi dedica fin dagli anni ’70 alla composizione musicale elettroacustica con particolare attenzione allo spazio sonoro. Le sue opere, hanno ottenuto premi internazionali (IMEB di Bourges, Ars Elettronica di Linz, premio “Hear” della televisione Ungherese, premio “Opus” del “Conseil de la Musique du Quebec”, International Computer Music Conference). Oltre all’ambito prettamente musicale, Luigi Ceccarelli si dedica al teatro musicale dove ha realizzato spettacoli con il Teatro delle Albe e Fanny & Alexander e ha ricevuto il Premio UBU 2002 (assegnato per la prima volta ad un musicista), il premio del Bitef Festival di Belgrado e del Mess Festival di Sarajevo. Ha lavorato come musicista con la coreografa Lucia Latour, e negli anni seguenti con la compagnia di danza norvegese Wee e con la coreografa sudafricana Robin Orlin. Ha composto varie opere radiofoniche prodotte da Rai RadioTre con testi di Stefano Benni, Valerio Magrelli ed Elias Canetti. E’ tra i soci fondatori di Edison Studio con cui ha creato le colonne sonore di vari film degli anni ’10, ricevendo il premio AITS  per il film “Inferno”. E’ titolare della cattedra di Musica Elettronica presso il Conservatorio di Musica di Latina.

MORE

Dr.Caligari al Flame Festival – Firenze

jane_rosaFirenze, 18 settembre 2014, ore 21
MUSEO NAZIONALE DEL BARGELLO
Ed_Flame Festival
FLAME – Florence Art Music Ensemble
Firenze suona contemporanea
Edison Studio presenta il film
DAS CABINET DES DR. CALIGARI
regia di Robert Wiene, Berlino 1919

LIVE COMPUTER SOUNDTRACK di EDISON STUDIO
Mauro Cardi, Luigi Ceccarelli, Fabio Cifariello Ciardi, Alessandro Cipriani

“Un film visivamente straordinario con un immaginario espressionista di grande potenza. La musica composta ed eseguita da Edison Studio fornisce un’avvincente colonna sonora per questo classico del muto. Un vero capolavoro caratterizzato da una ricca stratificazione e da una aggressiva bellezza.”
David Kim-Boyle – Computer Music Journal, vol. 28 #2, 2004 – MIT Press