Sounds-of-Silences2017-2w

Fabio Cifariello Ciardi

ciardiFcc_vimeo-ico Fcc_youtube-icoFcc_soundcloud-ico flickr-ico

Fabio Cifariello Ciardi (Roma, 1960) Interessato alla percezione, alla memoria e all’uso della tecnologia applicata a diversi fenomeni che raccontano il nostro presente, Fabio Cifariello Ciardi si dedica alla musica strumentale, a quella elettroacustica e alla creazione di opere multimediali. Di recente si interessa alla trascrizione strumentale delle inflessioni e dei ritmi della voce parlata.

Dopo gli studi di musicologia, composizione e musica elettronica si è perfezionato con Franco Donatoni all’Accademia di S. Cecilia e con Tristan Murail e Philippe Manoury all’IRCAM di Parigi.
Le sue musiche sono state premiate in diversi concorsi fra i quali “ICMC Cd selection 1993″ (Tokyo – Japan), “Olympia 1993″ (Athens – Greek), “Spectri Sonori93″ (Tulane – USA), XXV Concours Int. de Musique Electroacoustique 1998 (Bourges – France), Valentino Bucchi 1999 (Roma), Premio Nuova Musica – 39° Concorso Seghizzi (Gorizia), HK.5 Rimusicazioni Film Festival 2003.
Ha ricevuto commissioni da Biennale di Venezia, Fondazione ITeatri di Reggio Emilia, Ravena Festival, Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze, Agon-Centro Armando Gentilicci, Fondazione S.Cecilia di Portogruaro, Comune di Trento, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Orchestra MilanoClassica, Orchestra di Roma e del Lazio, Divertimento Ensemble – Ernst von Siemens Music Foundation, Società dei Concerti “B. Barattelli”, Institut für Neue Musik di Friburgo, Università di Singapore, Stockholm Electronic Music Studio, IMEB Bourges (Francia).
Ha collaborato fra gli altri con i chitarristi Massimo Laura, Magnus Andersonn, Stefano Cardi; i clarinettisti Roberta Gottardi, Guido Arbonelli,  le clavicembaliste Annalisa Martella e Mariolina De Robertis; i violinisti Mari Kimura, Diego Conti, Marco Rogliano, Massimo Coen, i contrabbassisti Daniele Roccato e Corrado Canonici; i flautisti Mario Caroli, Carin Levine, Claudia Giottoli, i trombonisti Ivo Nilsson e Michele Lo Muto, i musicisti Jazz Uri Caine, Riccardo Fassi e Peter Kowald.

Nel 2010 il canale televisivo franco-tedesco Arte (www.arte.tv)  ha dedicato un documentario alle sue opere basate sulla sonificazione di dati finanziari in tempo reale.

Le sue musiche sono pubblicate da Rai-com e Curci, Edipan, Rugginenti, Erreeffe e incise su CD Stradivarius, Curci, ICMA, CNI-LaFrontiera, Unesco CIME-Cultures Electroniques (Bourges, France), Mudima – Cramps Records, SiltaClassic, Cineteca di Bologna (con Edison Studio).
A partire dal 2001, con il collettivo Edison Studio, ha partecipato alla composizione e alla realizzazione delle colonne sonore per i film “Gli Ultimi Giorni di Pompei” (Eleuterio Ridolfi, 1913), “Das Cabinet Des Dr. Caligari” (Robert Wiene. 1919), “Inferno” (Bertolini, De Liguoro, Padovan, 1911), “Blackmail” (Hitchcock, 1929).
Per la composizione della propria musica ha creato software originali dedicati al calcolo della dissonanza, la spazializzazione del suono, la sonificazione in tempo reale degli andamenti dei mercati finanziari e la trascrizione strumentale di voci parlate.
È titolare della cattedra di Composizione presso il Conservatorio di Trento.
Ha al suo attivo diverse pubblicazioni nazionali ed internazionali dedicate alla musica del novecento, alla psicologia e all’analisi della musica e alla politica musicale italiana. In ambito musicologico ha collaborato con l’Istituto di Ricerca per il Teatro Musicale di Roma, con la rivista Suono Sud. Collabora regolarmente con Radio Tre Suite -  Radio Tre. Ha fatto parte del comitato di redazione di Analitica, rivista online di studi musicali.
Nel 1993 ha fondato insieme ad Alessandro Cipriani, Luigi Ceccarelli e Mauro Cardi l’Edison Studio (www.edisonstudio.it).

Ancora di più su
www.fabiocifariellociardi.com
http://tn-it.academia.edu/FabioCifarielloCiardi

http://www.researchgate.net/profile/Fabio_Cifariello_Ciardi

MORE

Il suono come interfaccia

fcc_il-suono-come-interfaccia

Almeno dall’Institutio arithmetica di Severino Boezio (500 d.C circa), i sentieri della musica e della scienza si sono frequentemente incrociati nell’esplorazione dell’ordine, delle simmetrie e delle proporzioni di ciò che ci circonda. Negli ultimi due secoli è stata spesso la scienza ad occuparsi del suono e ad ispirare il lavoro dei compositori, ma da alcuni decenni sta accadendo anche il contrario: il suono ha iniziato ad essere utilizzato da molte discipline scientifiche (biologia, astronomia, vulcanologia, medicina)  per “tradurre” dati complessi in rappresentazioni sonore riconoscibili.

In questo quadro, la ricerca scientifica utilizza sempre più spesso interfacce tecnologiche che amplificano la nostra capacità di vedere, comprendere e “sentire” la realtà intorno a noi. Parallelamente, la composizione musicale dei nostri giorni cerca di raccontare il nostro presente utilizzando la tecnologia per “tradurre” dati, suoni e immagini in partiture strumentali, composizioni elettroniche e opere multimediali.  Quali prospettive musicali e scientifiche possono aprirsi in questo scenario a tratti comune?

Questo il tema intorno a cui ruoteranno gli interventi in programma il prossimo 1 dicembre, a partire dalle 14:30, presso l’Aula Magna del Conservatorio “F.A. Bonporti”, nell’ambito della giornata “Il suono come interfaccia: prospettive e convergenze tra linguaggio, musica e scienza nella società dell’informazione”.  L’evento è organizzata dal Conservatorio in collaborazione con l’Università di Trento (Dipartimento di sociologia e ricerca sociale e Dipartimento di Lettere e Filosofia) e la Fondazione Bruno Kessler e vede la partecipazione di compositori italiani, stranieri e studiosi provenienti anche dal Dipartimento di Lettere e Filosofia e della Fondazione Mach.

Responsabile scientifico, Fabio Cifariello Ciardi – fabio.cifariellociardi@conservatorio.tn.it

Programma
14:30 Saluti e introduzione
Massimiliano Rizzoli | direttore del Conservatorio di Trento e Riva del Garda
Fabio Cifariello Ciardi | Conservatorio di Trento e Riva del Garda

15:00 Mimetic Instrumental Resynthesis: processes and reflections
James O’Callaghan | Montréal Contemporary Music Lab

16:00 Parallelismo tra Musica e linguaggio e possibili applicazioni
una rassegna di studi di psicologia cognitiva e neuroscienze

Chizuru Deguchi | Università di Trento – Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive

16:30 L’analisi del discorso politico
la piattaforma ALCIDE (Analysis of Language and Content In a Digital Environment)
e il riconoscimento automatico delle emozioni evocate.

Sara Tonelli | Fondazione Bruno Kessler – Center for Information and Communication Technology

17:00 coffee break

17:30 Soundscape Generator: una ‘macchina’ per la generazione di paesaggi sonori
Mauro Graziani | Conservatorio di Trento e Riva del Garda
18:00 Zar di tutti gli artropodi
Una performance dedicata al Jaekelopterus rhenaniae
l’artropode di 2,5 metri vissuto circa 390 milioni di anni fa
Mauro Graziani, live electronics

18:30 Tavola rotonda
Il suono come interfaccia per capire il mondo: prospettive interdisciplinari
Giolo Fele, moderatore | Università di Trento – Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale

Marco Russo | Università di Trento – Dipartimento di Lettere e filosofia
Sara Tonelli | Fondazione Bruno Kessler – Center for Information and Communication Technology
Emanuele Eccel | Fondazione Edmund Mach – Centro Ricerca e Innovazione
Fabio Cifariello Ciardi | Conservatorio di Trento e Riva del Garda
Mauro Graziani | Conservatorio di Trento e Riva del Garda

Eventi collaterali
Aula Magna, 10:30 – 13:00
James O’Callaghan | Montréal Contemporary Music Lab
Masterclass per compositori

Contatti | Conservatorio ”F.A. Bonporti” di Trento e Riva del Garda
Via S. Giovanni Bosco, 4, 38122 Trento – tel. 0461 261673 – 1097 - www.conservatorio.trento.i

il-suono-come-interfaccia_locandina