Sounds-of-Silences2017-2w

Fabio Cifariello Ciardi

ciardiFcc_vimeo-ico Fcc_youtube-icoFcc_soundcloud-ico flickr-ico

Fabio Cifariello Ciardi (Roma, 1960) Si dedica alla musica strumentale, a quella elettroacustica e alla creazione di opere multimediali attraverso un approccio ‘ecologico’ e politico, nato dall’interesse per la percezione, la memoria e l’uso della tecnologia applicata ai diversi fenomeni acustici che raccontano il nostro presente. Di recente si interessa, in particolare, alla trascrizione strumentale degli andamenti finanziari e delle inflessioni e dei ritmi della voce parlata.
Dopo gli studi di musicologia, composizione e musica elettronica si è perfezionato con Franco Donatoni all’Accademia di S. Cecilia e con Tristan Murail e Philippe Manoury all’IRCAM di Parigi.
Le sue musiche sono state premiate in diversi concorsi fra i quali “ICMC Cd selection 1993″ (Tokyo – Japan), “Olympia 1993″ (Athens – Greek), “Spectri Sonori93″ (Tulane – USA), XXV Concours Int. de Musique Electroacoustique 1998 (Bourges – France), Valentino Bucchi 1999 (Roma), Premio Nuova Musica – 39° Concorso Seghizzi (Gorizia), HK.5 Rimusicazioni Film Festival 2003.
Ha ricevuto commissioni da Biennale di Venezia, Fondazione ITeatri di Reggio Emilia, Ravena Festival, Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze, Agon-Centro Armando Gentilicci, Fondazione S.Cecilia di Portogruaro, Comune di Trento, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Orchestra MilanoClassica, Orchestra di Roma e del Lazio, Instituts für Neue Musik di Friburgo, Università di Singapore, Stockholm Electronic Music Studio, IMEB Bourges (Francia).
Ha collaborato fra gli altri con i chitarristi Massimo Laura, Magnus Andersonn, Stefano Cardi; i clarinettisti Guido Arbonelli e Roberta Gottardi; la clavicembalista Mariolina De Robertis; i violinisti Mari Kimura, Diego Conti e Massimo Coen, il contrabbassista Corrado Canonici; i flautisti Mario Caroli e Carin Levine, il trombonista Michele Lo Muto, i musicisti Jazz Riccardo Fassi e Peter Kowald.
Le sue composizioni sono edite da Raitrade, Curci, Edipan, Rugginenti, Erreeffe e incise su CD Curci, ICMA, CNI-LaFrontiera, Unesco CIME-Cultures Electroniques (Bourges, France), Mudima – Cramps Records, SiltaClassic.
A partire dal 2001, con il collettivo Edison Studio, ha partecipato alla composizione e alla realizzazione delle colonne sonore per i film “Gli Ultimi Giorni di Pompei” (1913) per la regia di Eleuterio Ridolfi, “Das Cabinet Des Dr. Caligari” regia di Robert Wiene (1919), “Inferno” (1911) di Bertolini, De Liguoro, Padovan.
Per la composizione della propria musica ha creato software originali dedicati al calcolo della dissonanza, la spazializzazione del suono, la sonificazione in tempo reale degli andamenti dei mercati finanziari e la trascrizione strumentale di voci parlate.
È titolare della cattedra di Composizione presso il Conservatorio di Trento.
Ha al suo attivo diverse pubblicazioni nazionali ed internazionali dedicate alla musica del novecento, alla psicologia e all’analisi della musica e alla politica musicale italiana. In ambito musicologico ha collaborato con l’Istituto di Ricerca per il Teatro Musicale di Roma, con la rivista Suono Sud e con la RAI Radio Tre. Dal 2010 fa parte del comitato di redazione di Analitica, rivista online di studi musicali.
Nel 1993 ha fondato insieme ad Alessandro Cipriani, Luigi Ceccarelli e Mauro Cardi l’Edison Studio (www.edisonstudio.it).

Ancora di più su
www.fabiocifariellociardi.com
http://tn-it.academia.edu/FabioCifarielloCiardi

http://www.researchgate.net/profile/Fabio_Cifariello_Ciardi

MORE

Voci vicine – Passione in 4 quadri per giornalista narrante, video, ensemble ed elettronica

L’Aquila, domenica 9 novembre 2014, ore 18.00 Auditorium del Parco

Voci vicine

Passione in 4 quadri per giornalista narrante, video, ensemble ed elettronica
di Fabio Cifariello Ciardi

con Gad Lerner, giornalista narrante

Voci vicineF_©2014 A.Anceschi-VociVicine0009
foto ©2014 A.Anceschi

Ensemble Icarus
Giovanni Mareggini flauto
Mirco Ghirardini clarinetto
Cristiano Boschesi trombone
Luciano Cavalli viola
Andrea Cavuoto violoncello
Anna D’Errico pianoforte
Gianluca Severi percussioni

Yoichi Sugiyama direttore

Angelo Benedetti regia del suono
Lucia Bova, Valeria Carissimi arpe registrate
postproduzione audio/video Edison Studio

commissione e produzione Fondazione I Teatri Reggio Emilia, Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”

 

Fabio Cifariello Ciardi é un compositore un compositore che percorre un cammino originale e personale nel panorama della musica contemporanea.  [...] uno dei musicisti che riflettono in modo più lucido e personale sul ruolo del compositore in una società che cambia velocemente, [...] con questo  lavoro mette a segno una originale proposta di spettacolo dal grande impatto emotivo, a metà strada tra la cronaca giornalistica, la narrazione, la riflessione sul compito dei media, la ricerca musicale di alto livello.
Voci vicine é una vera Passione profana; tratta delle sofferenze dei senza lavoro, degli alluvionati, dei terremotati, delle innumerevoli vittime incolpevoli delle tragedie nazionali causate da incuria, cattiva politica, criminalità. Sullo schermo si susseguono, a spezzoni brevissimi e con montaggio velocissimo, brani tratti da servizi televisivi e da interviste video-giornalistiche sul campo, “nell’immediatezza degli eventi”.
Sono le voci delle vittime: cittadini comuni, lavoratori, donne, uomini, anziani che lamentano e protestano – in tutti i dialetti del Bel Paese, in una Babele corale che paradossalmente sembra unire la nazione solo nel segno della disperazione – di aver perso tutto, di sentirsi abbandonati dal Sindaco, da chi doveva soccorrerli e non l’ha fatto, dal Governo….
Si potrebbe nutrire un certo scetticismo di fronte a quella che può sembrare a prima vista una speculazione mediatico/musicale, ma non é così: pur avendo scelto un tema fortemente sociale, l’autore non cade nella facile trappola della denuncia e degli slogans contro il Potere, non prende una posizione esplicitamente “politica”. Ci offre questi visi sconvolti, queste voci rotte dalla disperazione e dal pianto, lasciandoli al giudizio degli  spettatori, ma intende agire drammaturgicamente ad un livello più alto.
Lo conferma sopratutto il trattamento delle voci parlanti degli anonimi che si susseguono sul video, che le fa diventare la materia prima sulla quale é costruito un complesso quanto sorprendente tessuto musicale. Sviluppando una tecnica sulla quale lavora da molto tempo, Cifariello punta l’attenzione sull’intonazione e sul ritmo delle voci parlanti. Con l’aiuto di un software di analisi vocale da lui  stesso  programmato, ne sintetizza le caratteristiche musicali per poi trasferirne e riprodurne l’andamento con gli strumenti e l’elettronica. In questa singolare “traduzione” musicale, le inflessioni e i ritmi delle voci diventano così i timbri,  le melodie e le armonie  dell’ ensemble strumentale, in mille modi diversi e inventivi.
Ciò che ne esce é un singolare dialogo corale, intessuto tra le persone in video e gli  strumenti che, singolarmente, a piccoli gruppi o tutti insieme, diventano dei “doppi” i cui interventi punteggiano, accompagnano, rinforzano, rispondono alle voci in un intreccio armonico/polifonico di grande impatto.
[...] Oltre agli strumenti musicali veri e propri, ogni esecutore impiega altri strumenti che potremmo definire “poveri”, ma che colorano in modo efficace, ora spiritoso ora drammatico, la narrazione: fogli di cellophane fruscianti, bottiglie di plastica crepitanti sotto i piedi, sassi percossi a mo’ di percussioni e altro. Tutto uno strumentario coloristico che si integra in modo espressivo e coerente con i vari contesti sonori e con i contenuti emotivi che appaiono a video.
L’elettronica si incarica di cucire il tutto, da sola o come arricchimento del tessuto sonoro, reggendo le fondamenta armoniche di tutta la composizione, desunte (così mi ha raccontato l’autore) da alcune “colonne” tratte dall’analisi computerizzata dello spettro sonoro di accordi complessi ricavati dagli armonici  delle corde gravi del pianoforte.
Qualcuno potrebbe nutrire un certa perplessità sui testi scritti e narrati dal giornalista televisivo Gad Lerner: interventi forse non abbastanza teatrali per integrarsi pienamente nel contesto drammaturgico. Ma Lerner non é un attore, non recita una parte ma fa veramente se stesso: apparendo più volte in un cono di luce, alternandosi alle parti musicali,  commenta  criticamente, dal suo punto di vista di  ex(?)-conduttore televisivo, la funzione dei media in un mondo che trasforma inevitabilmente in spettacolo le tragedie individuali e collettive, perché the show must go on. D’altronde l’autocritica giornalistica acquista tanto più valore quanto più é prestigioso e ben noto il personaggio che la proclama pubblicamente, e in questo senso la scelta di Gad Lerner come narratore é certo la migliore possibile.
Ottimi, come sempre, gli eccellenti musicisti di Icarus Ensemble, ben diretti da Yoichi Sugiyama,[...]